The School of the Pacific: The Asian Side of the Postwar Transatlantic Exchanges

Catherine Dossin

Abstract


Negli anni '50, molte persone a Parigi parlavano di una ″Scuola del Pacifico″. Il termine si riferiva a vari artisti, legati alla costa occidentale degli Stati Uniti, tra cui Mark Tobey, Morris Graves, Clyfford Still, Mark Rothko e Sam Francis. A Parigi si apprezzavano questi artisti per il carattere contemplativo delle loro opere che contrastavano con la pittura d'azione della Scuola di New York. Basandosi su uno studio sistematico dell'arte americana nella Francia del dopoguerra, il presente articolo intende mostrare che gli artisti associati alla ″Scuola del Pacifico″ erano molto visibili a Parigi, dove godevano di un riconoscimento sia pubblico che della critica. A differenza dei loro colleghi "europei" della costa orientale, erano considerati realmente americani perché appartenevano al ″West″ e al mondo del Pacifico e dunque avevano radici non soltanto fuori dall'Europa, ma soprattutto in Asia.Nella Francia del dopoguerra, la cultura asiatica ha avuto un ruolo importante e molti artisti e critici sono stati profondamente influenzati sia dal buddismo che dalla calligrafia. Con un gioco complesso di trasferimenti culturali, questo interesse, alimentato da diverse importanti mostre di arte cinese e giapponese, ha dato forma all'accoglienza e all'interpretazione francese della scena artistica americana degli anni '50.


Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Alvard, Julien, Michel Tapié, and Fitz Simmons, ″L'Ecole du Pacifique″. Cimaise (June 1954): 6-9.

Alvard, Julien. ″Calcagno″. Cimaise (July 1955): 17.

Callahan, Kenneth. ″Pacific Northwest″. Art News (July 1946): 22.

Duthuit, Georges. Mystique chinoise et peinture moderne. Paris: Chroniques du jour, 1936.

EunJung, Grace An. ″PAR-ASIAN Technology: French Cinematic, Literary and Artistic Encounters with East Asia since 1945″. Ph-D., Cornell University, 2004.

Favre, Louis-Paul. ″Les Paysages de Calcagno″. Combat (June 1955): 27.

Flanner, Janet. ″Tobey, mystic errant″. L'Oeil (June 1955): 26-31.

Francis, Sam et al. Sam Francis, les années parisiennes, 1950-1961. Paris: Galerie Nationale du Jeu de Paume, 1995.

Freeman, Michael Russell. ″«The eye burns gold, burns crimson, and fades to ash»: Mark Tobey as a Critical Anomaly″. Ph.D., Indiana University at Bloomington, 2000.

Ragon, Michel. ″L'Art actuel aux Etats-Unis″. Cimaise (Spring 1959): 6-35.

Restany, Pierre. ″L’Amérique aux Américains″. Ring des Arts, no. 1 (1960): 22-31.

Seiberling, Dorothy. ″Mystic Painters of the Pacific Northwest″. Life Magazine, (September 1953): 84-98.

Tapié, Michel. ″The Formal Universe of Claire Falkenstein″. London: Institute of Contemporary Art, 1953.

Tapié, Michel. Peintres américains en France. Paris: Galerie Craven, 1953.

Wescher, Paul. ″Ecole du Pacifique″. Cimaise (April 1955): 3-5.




DOI: https://doi.org/10.13133/2532-1994.14789

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


___________________________________________

Novecento transnazionale. Letterature, arti e culture / Transnational 20th Century. Literatures, Arts and Cultures
ISSN 2532-1994
DOAJ (Directory of Open Access Journals)

Dipartimento di Lettere e Culture Moderne

Facoltà di Lettere e Filosofia
Sapienza Università di Roma
Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma